Muore in auto, dopo aver accompagnato il figlio a scuola

vercelli -

Potrebbe essere stata tradita da un velo di ghiaccio Silvia Cimadoro, la donna di 46 anni di Carpignano che ha perso la vita martedì, in un drammatico frontale nella zona del ponte che unisce Ghislarengo al centro novarese.

Secondo quanto emerso dai primi accertamenti la vittima avrebbe perso il controllo della sua Matiz, scontrandosi con una Yaris che proveniva dalla direzione opposta. Anche quest'auto era condotta da una donna, di Arborio, rimasta ferita in modo per fortuna non grave. 

Silvia Cimadoro stava tornando in paese dopo aver accompagnato, come tutte le mattine, il figlio minore alla fermata dell'autobus di Ghislarengo: il ragazzo frequenta l'istito Alberghiero a Gattinara e il dramma che si è consumato ha colpito molto alunni e personale della scuola. Nello scontro la Matiz si è ribaltata e la donna è stata sbalzata fuori dall'abitacolo. 

Silvia Cimadoro, che lavorava in un maglificio del centro novarese, lascia marito e due figli.

 

Red. online Vercelli
Ricerca in corso...