Cameri, scoperta dalla Polizia Provinciale un'attività illecita di gestione di rifiuti speciali pericolosi

Cameri -

Prosegue l’attività di prevenzione e repressione degli illeciti ambientali da parte del Comando della Polizia Provinciale di Novara. Ultimo in ordine di tempo, giovedì 24 gennaio nel territorio comunale di Cameri dove, con un intervento congiunto con la Polizia Ferroviaria presso un impianto dedicato alla gestione di rifiuti speciali è stata individuata e scoperta un'attività illecita di gestione di rifiuti speciali pericolosi.

Nel corso delle indagini infatti, oltre ad aver riscontrato inadempienze alle condizioni dettate dal provvedimento autorizzativo rilasciato dalla provincia di Novara, sono stati trovati anche rifiuti di natura pericolosa.

Oltre alle sanzioni amministrative, il titolare della ditta è stato segnalato alla competente Autorità Giudiziaria della Procura della Repubblica di Novara.

Le indagini proseguiranno onde accertare ulteriori reati in campo ambientale.

Come si evince, resta alto il livello dell'attenzione, il lavoro di controllo e prevenzione da parte del Corpo di Polizia finalizzato a tutelare chi, invece, esercita con il pieno rispetto delle norme.

“L’operazione effettuata – dichiara il consigliere delegato Luca Piantanida, evidenzia, nonostante le incertezze normative sulla riorganizzazione delle Polizie Provinciali, lo spirito di appartenenza, la professionalità, la presenza, la visibilità e l'attività di controllo degli Agenti di Polizia Provinciale di Novara, quale ottimo sistema di prevenzione e repressione per la sicurezza e la tutela dell’ambiente, oltre a dare una rapida risposta alle richieste dei cittadini.

I dati infatti danno un riscontro positivo: dal 1 novembre 2018 ad oggi sono state riscontrate tre violazioni di carattere ambientale con sanzioni elevate per €.18.580,00 e altre cinque violazioni il cui importo verrà determinato successivamente al termine dell'iter procedurale. Altre sei sanzioni per il settore caccia per un importo di € 718, mentre sono state ben ventiquattro le violazioni riscontrate del codice della strada (cartelli pubblicitari) per l'importo di €. 8851 e 10 cartelli rimossi."

redazione on line
Ricerca in corso...